Unicredit Conto

Aprire un conto corrente, chi di noi non lo ha fatto almeno una volta? Firme digitali, firme grafometriche, dati da fornire, varie tipologie di conto, carte di credito, di debito fino alla conclusione per poi uscire dalla filiale con chili di documenti cartacei. 

Le banche stanno cambiando, unicredit è partita con tutta una serie di progetti digitali pensati per offrire un miglior servizio abbattendo i costi.

Apertura conto corrente

Mi sono occupato proprio dell’apertura del conto corrente, in filiale (brench) ed online.

Gli attori coinvolti nel processo sono 2 nel caso della filiale: cliente e consulente. Sono state cosi definite queste 2 tipologie di personas. Attraverso interviste è stato definito parallelamente il customer jouney definendo tutte le attuali problematiche e possibilità di miglioramento in tutta la fase del flusso.

Attualmente i consulenti descrivono i vari “moduli” aggiuntivi attraverso una brochure, illustrando anche le possibilità offerte dalle varie tipologie di carte. Anche online vi sono molte informazioni ma difficilmente raggiungibili da un utente senza avere una guida.

La complessità del flusso è data dal fatto di riuscire a rendere i vari passaggi logici, semplici e correlati in modo da minimizzarne il numero, dando una percezione di maggiore semplicità e velocità (fluidità) nell’inserimento dei dati.

Scegli l'utente

L’idea che è nata attraverso la fase di analisi è stata creare una sorta di customizzazione del conto corrente. L’utente quindi potrà scegliere i moduli aggiuntivi, servizi e carte in base alle proprie necessità. In filiale il consulente sarà un valido supporto e potrà offrire ulteriori informazioni al cliente che vedrà direttamente nel tablet, utilizzato per la firma, l’interfaccia di customizzazione interagendo in maniera semplice. Una volta definito il conto si passa alla fase di raccoglimento delle informazioni del cliente (anagrafica).

In questa fase è stato avvantaggiato il consulente. Grazie ad una logica di aggregazione e sintesi sono stati eliminati molti passaggi. Inoltre grazie ad un modello concettuale di completamento a steps il consulente diminuisce il margine di errore e riceve inconsapevolmente continui feedback visuali attraverso colori ed animazioni. 

Iterare e migliorare

Una volte definito il flusso ed i wireframe mi sono dedicato all'implementaione della ui sfruttando le guidelines di unicredit digital. Una volta create le interfacce ho sviluppato il prototipo. Da qui ogni settimana venivano organizzati degli user test. Le informazioni ed i dati ci permettevano di capire come migliorare ulteriormente. Applicate le nuove modifiche si ripetevano i test. Per circa un mese e mezzo è stato ripetuto tale processo permettendo arrivando alla soluzione finale con ottimi feedback sia lato utente (cliente) che consulente.

Sono uno ux designer

Mi chiamo Davide Paterniti e lavoro a Milano in ambito ux dal 2008. Non dispiace "sporcarmi" le mani con il codice e sono affascinato dalla user research e dalla psicologia cognitiva. L’esperienza è la combinazione delle nostre percezioni ed emozioni. Riguarda tutto ciò che una persona sente prima (aspettativa), durante (l’esperienzapropria) e dopo (ricordi). Attraverso le mie competenze sviluppo prodotti che rendono l’esperienza utente unica e memorabile.

^ Top